Progetti sociali

Centro Interculturale Baobab

Da alcuni anni la fondazione sostiene il Centro Interculturale Baobab.

Questa realtà si pone come spazio di incontro tra cittadini stranieri e non nel tessuto sociale della città, con il fine di sostenere la piena integrazione tra gli stessi, promuovendo l’effettivo esercizio dei diritti di cittadinanza, di pari opportunità e partecipazione alla vita cittadina.

Svolge un’azione attenta e capillare nel contesto territoriale di Capitanata, valorizzando le diversità, suscitando la cooperazione, attivando forme di partecipazione dei cittadini stranieri alla vita socio-culturale della città e dei quartieri periferici. Rappresenta una realtà importante per tutto il territorio provinciale, forte di uno sportello sempre attivo per l’integrazione socio-sanitaria e culturale dei migranti in cui si svolgono attività di orientamento, accompagnamento e mediazione. Organizza corsi di lingua italiana L2, laboratori, eventi, giornate di sensibilizzazione e nella sua sede ospita un centro di risorse e documentazione interculturale con oltre mille titoli (tra libri e materiale audiovisivo).

Sotto Traccia – Prevenzione e territorio

Da molti anni la Fondazione sostiene un progetto di educativa territoriale insieme all’Ass. Comunità sulla strada di Emmaus, denominato Equipe Territoriale. L’intento è quello di sviluppare la condivisione e la promozione dei principi di legalità, sostenibilità ambientale e diritto alla salute e al benessere della persona. In particolar modo, diffondere nelle giovani generazioni l’educazione alla salute e al benessere, al volontariato e alla cittadinanza attiva e digitale.

Dopo tanti anni di lavoro a sostegno di persone con problematiche di dipendenza dalle droghe e dall’alcool si è voluto scommettere su un lavoro di prevenzione primaria, coinvolgendo un gruppo itinerante di educatori al servizio del territorio. La gran parte del lavoro è indirizzato verso le scuole, allo scopo di sensibilizzare gli studenti sul tema delle dipendenze, offrendo supporto ai docenti che spesso si trovano ad affrontare tematiche di questo tipo.

Nonostante la pandemia e le stringenti norme di contenimento della stessa, l’Equipe Territoriale, con sede organizzativa presso il Centro Interculturale Baobab, è riuscita a conseguire risultati importanti, consolidando una rete strategica con le scuole, elaborando percorsi sulla prevenzione da dipendenze e coinvolgendo una moltitudine di studenti e docenti.

iDo – io faccio futuro

Da due anni la Fondazione ospita presso la Masseria De Vargas l’associazione iFun.

Si tratta di una vasta comunità che può contare su oltre settanta famiglie associate, per un totale di circa cento soci presenti su tutto il territorio provinciale, vero punto di riferimento per il mondo dell’autismo e per i disturbi psico-sensoriali. Un progetto sostenuto da Fondazione con il Sud e interamente dedicato alle persone affette da autismo che, grazie al fondamentale apporto della Fondazione Siniscalco Ceci–Emmaus, è in grado di sostenere i bisogni educativi e quotidiani di tante famiglie e di tanti bambini che altrimenti avrebbero rischiato la marginalità sociale.

L’associazione iFun comprende, oltre a tante famiglie che supportano attivamente le varie iniziative, tanti volontari, educatori, professionisti di vario tipo, tirocinanti e collaboratori, tutti proiettati verso uno stesso obiettivo.

In rete con i sud

Fin dal suo insediamento, la Fondazione ha inteso rivolgere la propria attenzione e il proprio operato principalmente verso le classi più disagiate, con un pensiero costante per i più poveri, gli ultimi. A tale scopo, sono state intessute e consolidate relazioni con altre realtà e associazioni parimenti impegnate nello stesso ambito. Negli anni, pertanto, la Fondazione Siniscalco Ceci-Emmaus è orgogliosa di aver sostenuto le seguenti associazioni, ognuna versata nel supportare situazioni e persone in condizioni di estrema difficoltà:

  • L’ Associazione “Trame africane”, impegnata nel sostenere un ospedale in Kenya;
  • L’Associazione “Sulla strada” che opera in Guatemala, con la quale sono sempre vive e costanti le relazioni tra i vari membri e i collaboratori della Fondazione;
  • L’associazione Walking togheter, che promuove lo sviluppo di aree povere del Sud del Mondo.

Comunità in crescita

Da diversi anni la Fondazione collabora con l’associazione di consumatori Udico, gestendo in sinergia progetti finanziati dalla Regione Puglia e rivolti alle organizzazioni di consumatori. La Fondazione cofinanzia questi progetti anno per anno. La sede delle attività è la Masseria Antonia De Vargas. Queste, pertanto, sono così distribuite:

  • Asset building – educazione al risparmio e finanza etica e solidale;
  • Educazione ambientale e Orti Sociali;
  • Gestione e potenziamento di Gruppi di acquisto solidale;
  • Creazione di una rete di famiglie solidali.